Come visitare il tempio di Edfu: cosa vedere

visitare-tempio-edfu-egitto

Il Tempio di Edfu è un antico tempio egizio situato sulla sponda occidentale del Nilo, nella città di Edfu, tra le città egiziane di Luxor e Assuan.

Conosciuto come il Tempio di Horus (il dio dalla testa di falco), il Tempio di Edfu è uno dei più grandi in Egitto (il più grande dopo il Tempio di Karnak) e uno dei meglio conservati nel paese.

Fu costruito nel periodo tolemaico tra il 237 e il 57 a.C., in cima al luogo in cui, secondo gli antichi egizi, ebbe luogo la famigerata battaglia di Horus e Seth.

Acquista l’assicurazione sanitaria per un viaggio sicuro in Egitto

 

Le pareti del tempio hanno ricche iscrizioni che forniscono importanti informazioni sull’epoca in cui è stato costruito, fornendo dettagli non solo sul tempio, ma sulla mitologia, la religione e il modo di vivere nell’antico Egitto.

Un po’ di storia

Edfu fu uno dei numerosi templi costruiti durante il periodo tolemaico, tra cui quello di Dendera, Esna, Kom Ombo e Philae. Le sue dimensioni riflettono la relativa prosperità dell’epoca.

La costruzione fu iniziata durante il regno di Tolomeo III e completata nel 57 a.C. sotto Tolomeo XII. Fu costruito sul sito di un precedente tempio più piccolo, anch’esso dedicato a Horus.

Il tempio di Edfu cadde in disuso come monumento religioso in seguito all’editto di Teodosio I che vietava il culto non cristiano all’interno dell’Impero romano nel 391 d.C. Come altrove, molti dei rilievi scolpiti del tempio furono rasi al suolo dai seguaci della fede cristiana. Si ritiene che il soffitto annerito della sala ipostila, visibile oggi, sia il risultato di un incendio doloso destinato a distruggere le immagini religiose che erano quindi considerate pagane.

Nel corso dei secoli, il tempio fu sepolto a una profondità di 12 metri sotto la sabbia del deserto che contribuì a preservarlo perfettamente fino ad oggi.

Gli abitanti locali costruirono case direttamente sopra il tempio. Solo le parti superiori dei piloni erano visibili nel 1798, quando il tempio fu scoperto da una spedizione francese. Nel 1860 Auguste Mariette, un egittologo francese, iniziò il lavoro di liberazione del tempio di Edfu dalle sabbie.

Acquista l’assicurazione sanitaria per un viaggio sicuro in Egitto

Il tempio di Edfu oggi

Oggi il tempio di Edfu è quasi intatto e un ottimo esempio di antico tempio egizio. Il su significato archeologico e l’ottimo stato di conservazione lo hanno reso un centro per il turismo in Egitto e una sosta frequente per le numerose imbarcazioni fluviali che navigano sul Nilo.

Nel 2005, l’accesso al tempio è stato rinnovato con l’aggiunta di un centro visitatori e un parcheggio pavimentato. Alla fine del 2006 è stato aggiunto un sofisticato sistema di illuminazione per consentire visite notturne.

Scopri tutte le escursioni disponibili per il tempio di Edfu

 

Cosa vedere nel tempio di Edfu

Il tempio di Edfu è composto da un ingresso principale, un cortile e una cappella.

Mamisi

A ovest dell’ingresso principale si trova la Casa natale, chiamata anche Mamisi. Qui si teneva l’annuale Festival dell’Incoronazione per onorare la nascita divina di Horus e del faraone. All’interno del Mamisi ci sono diverse scene che descrivono la storia della nascita divina di Horus alla presenza di Hathor e di altre divinità.

L’entrata

Forse la caratteristica più sorprendente del Tempio di Horus sono i giganteschi piloni che si trovano all’ingresso del tempio. Sentinelle di pietra del dio Horus dalla testa di falco vegliano sul Grande Pilone, mentre rilievi di pietra su entrambi i lati del cancello cantano le lodi del re Tolomeo Neos Dioniso.

Da non perdere: il rilievo di Neos Dioniso (Tolomeo XII) che tiene i suoi nemici per i capelli, pronti a colpirli di fronte a Horus – una rappresentazione di forza faraonica destinato a meravigliare i suoi sudditi egiziani mentre entravano.

Cortile esterno

Oltre il pilone si trova la corte delle offerte, un enorme piazziale pavimentato circondato su tre lati da un portico con 32 imponenti colonne dove la popolazione avrebbe portato le proprie offerte alla statua di Horus.

Le colonne sono riccamente decorate con capitelli floreali e le pareti in pietra color oro sono ricoperte da rilievi raffiguranti la festa del bellissimo incontro, la riunione annuale tra Horus e sua moglie, Hathor. Appena a sinistra dell’ingresso nel vestibolo, la statua in granito nero superstite di Horus, che in origine avrebbe fatto parte di una coppia, indossa la doppia corona d’Egitto.

Prima sala ipostila

Oltre il cortile c’è una sala ipostila conosciuta anche come la Corte delle offerte, decorata con 12 colonne sormontate da elaborati capitelli floreali. Appena entrati ci sono due piccole stanze. La sala occidentale è la Sala della Consacrazione, con un bellissimo rilievo sulla parete posteriore che raffigura gli dei Horus e Thoth che versano acqua sacra sul faraone.

La stanza orientale era la Biblioteca del tempio, con un elenco di libri che un tempo conteneva ancora inciso sul muro.

Seconda sala ipostila

Continuando verso l’interno si trova la seconda sala ipostila, più piccola della precedente ma con un tocco più speciale, è più scura e i raggi del sole che entrano attraverso le piccole finestre del soffitto si muovono lungo le colonne e pareti.

Sulla sinistra c’è una piccola stanza, piuttosto curiosa, dedicata all’elaborazione degli incensi, e sulle sue pareti si vedono diverse ricette che indicano come dovrebbero essere fatte le diverse fragranze.

Prima e seconda anticamera

Oltre la sala ipostila, la prima anticamera era un’area dell’altare dove i sacerdoti del tempio lasciavano offerte agli dei. Una scala qui conduce al tetto, che purtroppo non è accessibile ai visitatori.

La seconda anticamera sarebbe stato l’ultimo scalo dei sacerdoti per fare offerte agli dei prima di entrare nel Santuario.

Il Santuario

La stanza contiene un santuario di granito, il naos di Nectanebo II, l’ultimo dei sovrani nativi dell’Egitto. Questa è la parte più antica e sacra del tempio e una volta conteneva una statua di culto d’oro di Horus. Al giorno d’oggi, una riproduzione del brigantino solare processionale del dio poggia su un basso piedistallo. L’originale è ora al Louvre.

Cappelle, magazzini e camere ausiliarie dedicate a varie divinità sono disposti intorno al santuario centrale.

Passaggio della vittoria

Alla fine, si esce fuori in una stretta sala esterna nota come Passaggio della Vittoria. Le sue pareti sono decorate con scene e testi raffiguranti le contese di Horus e il dio degli inferi, Seth, mostrato nella forma di un ippopotamo. Le sue dimensioni ridotte lo rendono meno minaccioso. Gli antichi egizi credevano che tutto ciò che loro avrebbero scolpito sarebbe successo anche in realtà. Quindi non volevano dare troppo potere al malvagio Seth.

Nilometer

Gli antichi egizi usavano i chilometri per misurare l’altezza del fiume e aiutare a prevedere il raccolto della stagione futura. Anche se oggi non è più connesso con il Nilo, puoi ancora vedere l’albero con le profondità inscritte.

Come arrivare al Tempio di Edfu

Edfu è situato a circa metà strada tra Luxor (109 km) e Assuan (123 km).

Con una crociera sul Nilo quasi tutte le navi da crociera che solcano il fiume tra Luxor e Assuan si fermano a Edfu. Il tempio è a circa cinque minuti in auto e una decina di minuti a piedi dalla zona dove si fermano le navi da crociera.

Con una Felucca – una sosta a Edfu può essere inclusa in un viaggio in feluca di tre giorni da Assuan. Arrivare a Edfu con la tradizionale barca a vela latina è uno dei modi più suggestivi per visitare il tempio.

In trenoil modo migliore per visitare il Tempio di Horus è prendere il treno locale da Luxor (un’ora) o da Assuan (un’ora e mezza). Ci sono treni frequenti durante il giorno. Dalla stazione al tempio ci sono circa 4 Km ed è possibile prendere un taxi o un taxi condiviso per reggiungere il tempio.

Con un’auto privata i taxi possono essere facilmente organizzati da Luxor. Se prendete un’autista per tutta la giornata combinate la visita di Edfu con le visite al Tempio di Khnum a Esna e al Tempio di Kom Ombo.

Attraverso un’escursionepuoi prenotare l’escursione al Tempio di Edfu in combinazione con la visita al Tempio di Kom Ombo al miglior prezzo direttamente online.

Scopri tutte le escursioni disponibili per il tempio di Edfu

 

Prezzo del biglietto

140 sterline egiziane

Suggerimenti e consigli

Se visitate il tempio da soli provate ad arrivare qui molto presto o vicino all’orario di chiusura. Dalle 9 del mattino il tempio diventa molto affollato per via dei visitatori delle navi da crociera sul Nilo. La mattina presto e il tramonto sono anche il momento migliore per le fotografie.

Presentazione audiovisiva: nel centro visitatori è possibile guardare un cortometraggio che documenta la storia del Tempio di Horus.

Se avete un po’ di tempo, visitate la città e il mercato di Edfu.

tempio-horus-edfu-egitto

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *