Il Tempio di Philae, uno dei più belli dell’Egitto

tempio-di-philae

Il Tempio di Philae (o tempio di File), in Egitto, è uno dei più belli e meglio conservati del paese. Il tempio è dedicato a Iside, dea femminile dell’amore, della magia e della maternità, una divinità presente in molte religioni antiche.

In ogni caso non si può parlare di questo monumento come di un singolo tempio poiché in realtà è un insieme di edifici che sono stati costruiti nel tempo e dedicati a diversi usi e divinità.

Questo splendido complesso di templi è uno dei più pittoreschi in Egitto. Si trova sull’isola di Aguilka a sud della vecchia diga di Assuan.

Philae era il santuario principale del culto di Iside. Iniziò a essere costruito nel IV secolo a.C. da Nectanebo I. ma il suo massimo splendore arrivò in epoca ellenica e romana, quando i vari imperatori costruirono edifici di grande importanza in onore di questa dea. È anche l’ultimo luogo di culto della dea; nel 550 la chiusura del tempio fu ordinata dall’imperatore Giustiniano.

Il tempio di Philae è uno dei templi salvati dalle acque durante la costruzione della diga di Assuan, insieme al tempio di Abu Simbel. Nell’antichità, si trovava sull’isola con lo stesso nome, ma con la costruzione della diga di Assuan, tale isola sarebbe stata sommersa, quindi il tempio fu spostato con cura, pietra dopo pietra, nella sua posizione attuale, a pochi chilometri dalla diga. Pertanto, è una visita quasi obbligatoria per le crociere che attraversano le acque del Nilo.

Acquista l’assicurazione sanitaria per un viaggio sicuro in Egitto

Storia e culto

La costruzione del tempio di Philae iniziò sotto il regno di uno degli ultimi faraoni dell’era faraonica, Nectanebo I (XX dinastia). Fu in seguito sotto il dominio greco che fu aggiunta la maggior parte degli edifici, incluso il grande tempio di Iside. Sarà completato dai romani con l’aggiunta, tra le altre cose, del chiosco di Traiano.

Questo tempio è uno dei templi meglio conservati del periodo tolemaico in Egitto (con il Tempio di Edfu) ed è stato uno dei santuari più importanti dell’Egitto e della Nubia fino al 551, data in cui l‘imperatore Giustiniano ne ordinò la chiusura.

Iside era molto popolare in epoca romana e il suo culto continuò sull’isola fino all’inizio del VI secolo d.C., questo anche dopo la chiusura dei templi egizi (a quel tempo quasi tutto l’Egitto era stato cristianizzato) imposto dal decreto di Teodosio nel 391.

Dopo la sua chiusura, il tempio fu poi trasformato dai copti in chiese che erano attive fino al XIII secolo. Croci copte fioriscono sulle pareti e sui pilastri del tempio. Troviamo ancora oggi bassorilievi che presentano ad esempio il dio Amun parzialmente martellato, la testa è stata sostituita da una croce copta ma il resto del corpo è intatto, compresi i suoi attributi divini.

Salvataggio dall’UNESCO

Nel 1894, dopo la costruzione della prima diga di Assuan da parte degli inglesi, il tempio fu parzialmente sommerso e l’unico modo per visitarlo era in barca.

Nel 1979, durante la costruzione della seconda diga, il tempio sarebbe stato completamente sommerso, quindi l’UNESCO ha eseguito una “missione di salvataggio” per spostare i templi dell’isola da Philae a un’isola più asciutta e più stabile nelle vicinanze chiamata Agilkia.

Opere gigantesche furono eseguite per otto anni, dal 1972 al 1980: furono isolati i monumenti con un cofano di 850 metri di lunghezza, 15 metri di altezza e 2 metri di larghezza per proteggerli dalle acque in aumento, fu rimodellata l’isola di Agilkia per renderla simile a quella di Philae. Furono smontati pietra per pietra tutti i templi, numerati tutti i pezzi come per un puzzle e furono rimontati dodici metri più in alto, su questa isola di granito, appiattita e allargata per l’occasione.

Con questo successo tecnico, completato nel marzo del 1980, si concluse la grande campagna internazionale per salvare i monumenti di Nubia minacciati dalla Grande Diga di Assuan. Questo progetto faraonico ha salvato dalle acque più di quattordici templi nubiani, inclusi i famosi templi di Abu Simbel.

Cosa vedere nel tempio di Philae

Quando si entra nel tempio non si può non ammirare la bellezza della sua architettura e la sua lunga storia, che rendono Philae una delle visite essenziali nel paese dei faraoni. Tutti gli edifici al suo interno danno un’idea dello splendore del tempio ai suoi tempi d’oro. In effetti, fu uno degli ultimi templi dell’antico Egitto ad essere abbandonato. È interessante notare che nel Tempio di Philae sono conservati gli ultimi geroglifici egiziani scritti nella storia, risalenti all’anno 394 del nostro tempo.

È uno dei tre templi tolemaici meglio conservati, insieme a quelli di Edfu e Dendera. Qui, l’architettura e le decorazioni di origini egiziane, greche e romane si armonizzano perfettamente. La maggior parte degli edifici era dipinta con colori vivaci, che si potevano ancora ammirare dai viaggiatori nel XIX secolo. Sfortunatamente, a poco a poco, sono scomparsi perché dalla costruzione della diga di Assuan l’isola è stata sommersa.

Tempio di Philae

Il complesso del tempio di Iside si trova nel centro dell’isola. Non ha una struttura uniforme. Il corpo centrale fu costruito durante il regno di Tolomeo II. Appena entrati nel santuario troviamo le seguenti strutture: Porta di Tolomeo II, Primo Pilone, Cortile esterno, Mammisi, Secondo Pilone, Cortile interno e Tempio di Iside. Fuori dal nucleo principale, ma all’interno del complesso si trovano il Tempio di Horus il Vendicatore, la Porta di Adriano e il molo.

Il molo romano e la Porta di Diocleziano sono le costruzioni più settentrionali dell’isola di Philae. Dopo aver superato la Porta di Diocleziano, troviamo le rovine del Tempio di Augusto. In essa fu trovata un’iscrizione riguardante la soppressione della rivolta del 29 a.C. di Cornelio Gallo, primo prefetto della provincia romana di Egitto).

Tempio di Hathor

Il tempio di Hathor era situato alla destra del tempio di Iside. Costruito da Tolomeo VI Philometor e Tolomeo VIII Euergetes II, il tempio è costituito da una sala colonnata e un cortile esterno. La hall è stata decorata in epoca augustea con spettacoli di festival in onore di Iside e Hathor. Nei rilievi, anche l’imperatore Augusto appare facendo offerte a Iside e Nefti.

Chiosco di Traiano

Il Chiosco di Traiano è un edificio rettangolare con quattordici colonne con capitelli a forma di fiore, considerata da molti come la struttura più attraente di Philae. Oggi è una struttura senza tetto, ma nell’antichità egizia, era probabilmente coperta e usata come riparo per il brigantino di Iside sulle sponde orientali. È riccamente decorato con rilievi di Traiano che brucia incenso per onorare Osiride e Iside, offrendo allo stesso tempo vino a Iside e Horus.

Chiosco di Nectanebo

Il chiosco di Nectanebo si trova all’estremità sud-occidentale dell’isola. Aveva una galleria porticata con quattordici colonne coronate da capitelli con la testa della dea Hathor, di cui solo sei hanno raggiunto i nostri giorni. Le pareti erano decorate con rilievi che mostravano il monarca tolemaico che faceva offerte agli dei.

Informazioni pratiche per visitare il tempio di Philae

tempio-di-philae

Come arrivare al tempio

Per raggiungere l’isola di Agilkia, dovrai attraversare il Nilo in barca (10 – 15 minuti). Il molo si trova a Shellal (a sud di Assuan) e si può raggiungere in taxi. Da mettere in conto almeno tre ore per la visita e la traversata.

Spettacolo Sound & Light

Lo spettacolo Sound & Light Show di Philae è uno dei più belli in Egitto. Ogni sera, il tempio è adornato con mille luci per raccontare la favolosa storia di Iside e Osiride contro il loro nemico Seth. Il programma varia in base alla stagione. Controlla gli orari all’ingresso del sito durante la tua visita. Questo tour include il trasferimento e il rientro dal tuo hotel ad Assuan e biglietti d’ingresso per lo spettacolo. Prenota un tour per lo spettacolo di suoni e luci a Philae

Dove dormire

Per l’alloggio, la cosa migliore è dormire ad Assuan da dove puoi prendere un taxi per andare al molo Shellal.

Trova un hotel ad Assuan

 

Quando andare al tempio di Philae

Il momento migliore per visitare questa popolare attrazione turistica è la mattina presto, subito dopo l’apertura del sito. Tieni presente che la maggior parte delle persone visita Philae come parte di una gita di un giorno ad Abu Simbel (sulla tratta di ritorno), quindi il periodo più affollato della giornata è quello che va da mezzogiorno alle 14:00.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *