Visitare le Piramidi di Giza: info orari e prezzi

Piramidi di Giza
Piramidi di Giza

Tra le attrazioni turistiche di prima classe al mondo ci sono, senza dubbio, le piramidi egiziane. Le più visitate sono le piramidi di Giza, situate nella piana di Giza, alla periferia del Cairo. Le 3 piramidi di Giza furono costruite durante la IV dinastia intorno al 4.450 a.C. Nell’antico Egitto, le piramidi venivano costruite per fungere da tomba a re e regine.

Oggi l’Egitto ha circa 93 piramidi in tutto il suo territorio, le tre più famose sono quelle che si trovano a Giza: la Grande Piramide (conosciuta come la Piramide di Cheope), la Piramide di Chefren, e la piramide di Micerino. Fanno parte della Necropoli di Giza, un complesso di antichi monumenti della civiltà egizia che oltre alle piramidi ospita anche altri siti archeologici come Mastabas e la famosa Sfinge.

Delle 3 piramidi di Giza la più grande e famosa piramide dell’Egitto è la Piramide di Cheope, con i suoi 146 metri di altezza e 230 metri di base (quasi 1 chilometro di perimetro), Si chiama la Grande Piramide e fu l’edificio più alto del mondo per migliaia di anni, fino al 1889, quando fu costruita la Torre Eiffel.

Si stima che per la sua costruzione siano stati utilizzati circa 2.300.000 blocchi di pietra, una cifra con la quale potremmo costruire una fila di pietre avanti e indietro tra le due coste degli Stati Uniti.

Cosa vedere nelle piramidi di Giza

visitare-le-piramidi-di-giza

Come abbiamo già detto, ci sono molti edifici nella necropoli di Giza. In effetti, in questa zona c’erano 12 piramidi di cui restano solo 9. Ma le più importanti sono le piramidi di Cheope, Chefren e Micerino.

Piramide di Cheope

La strada per le piramidi, chiamata anche Sharia El Abram (il viale delle piramidi), conduce direttamente alla Grande Piramide, costruita dal grande faraone della IV Dinastia Khufu (conosciuto come Cheope) per il suo eterno riposo.

La Grande Piramide è la più grande delle tre con 140 metri di altezza. È l’unica meraviglia del mondo antico che è ancora in piedi. Si ritiene che questa piramide sia stata costruita nel 2.570 a.C. Originariamente era costituito da 2,3 miliardi di blocchi di pietra e ogni blocco peserebbe circa 2,5 tonnellate.

La piramide di Cheope era interamente coperta da 27.000 blocchi di lastre di calcare bianco lucido sulle quali erano scolpiti dei geroglifici. Queste lastre sono state perse dopo un terremoto e dopo il passaggio dei turchi ottomani che hanno usato quella pietra per altri edifici al Cairo.

La punta della piramide era costituita da un blocco unico di granito ricoperto di elettro, il piramydion, che rifletteva la luce del sole a lunga distanza. La sua costruzione è il risultato di complessi calcoli geometrici e astronomici, che ne fanno un esempio di perfezione.

La sua parete nord ospita l’ingresso originale (la più grande) mentre 15 m più in basso si trova l’ingresso praticato dal ladro sepolcrale Khalifa Ma’mun nell’820. È attraverso quest’ultima che ora possiamo visitare l’interno della piramide. Chi sofre di claustrofobia è meglio non entrare.

Piramide di Chefren

Costruita dal figlio di Cheope, è leggermente più piccola: 136 m di altezza. Sembra più alta di quella di Cheope, perché è stata deliberatamente costruita su un altopiano calcareo più elevato. Alla sua sommità rimane una parte del rivestimento in calcare lucido, che originariamente copriva tutte le sue facce. Questo dà una panoramica della sua finitura normale.

Anche questa piramide può essere visitata. L’ingresso è a livello del suolo. Uno piccolo corridoio stretto scende verso un altro corridoio orizzontale che porta alla camera funeraria. Un sarcofago di granito rosso giace a terra, socchiuso.

Piramide di Micerino

È la più piccola delle tre (66 m di altezza e una base di 102×104 m). Micerino, successore di Chefren, non ebbe il tempo di finirla prima della sua morte. Fu suo figlio che si impegnò a completare la sua costruzione. Originariamente la piramide era rivestita in granito rosa e pietra calcarea.

Un meraviglioso sarcofago decorato fu rinvenuto all’interno della piramide all’inizio del XIX secolo, ma durante il tentativo del suo trasloco al British Museum di Londra andò perso in mare.

I misteri delle piramidi di Giza

Oltre alle cifre sbalorditive nominate poco prima non possiamo non nominare alcuni dei misteri delle Piramidi d’Egitto:

La piramide di Cheope è esattamente allineata con le altre due: le piramidi di Chefren e Menkaura, o Micerino, seguendo le stelle che formano la costellazione di Orione. Il passaggio per scendere nella piramide indica la stella polare, nota come Alpha Draconis. Si ritiene che sia perché le piramidi di Giza erano associate a Osiride, il dio della rinascita nell’antico Egitto.

Secondo recenti ricerche, se il perimetro della base della Grande Piramide di Giza è diviso per due volte la sua altezza, il risultato è circa 3,14; cioè, il valore del numero pi-greco. Anche la Camera del Re contiene un pi-greco nel rapporto tra la lunghezza e il perimetro. Semplicemente sorprendente.

Con quasi 5000 anni, il modo in cui furono costruite le piramidi d’Egitto è ancora un mistero. La Grande Sfinge di Giza è ancora più antica: è considerata in molte occasioni come l’ottava meraviglia del mondo antico, e questo grande simbolo dell’antico Egitto, potrebbe avere fino a 10.000 anni, secondo le ultime ricerche.

Informazioni utili per visitare le Piramidi di Giza

tour-piramidi-giza

Orari d’apertura

L’area delle piramidi si apre al pubblico dalle 8:00 alle ore 17:00.

In inverno chiude alle 16.30 e durante il Ramadan chiude alle 15:00.

Acquista l’assicurazione sanitaria per un viaggio sicuro in Egitto

Prezzo ingresso Piramidi di Giza

  • Il biglietto d’ingresso per l’altopiano costa 60 sterline egiziane.
  • Per visitare il Museo della barca solare – 40 sterline egiziane.
  • Ingresso alla Piramide di Cheope – 100 sterline egiziane.
  • Ingresso alla Piramide di Chefren – 20 sterline egiziane.
  • Prezzo biglietto Piramide di Micerino – 25 sterline egiziane.

Come arrivare alle Piramidi di Giza

In bus

È il mezzo di trasporto più popolare ed offre un buon modo per scoprire la città, la sua popolazione e l’atmosfera locale viaggiando a prezzi bassi. Si possono prendere gli autobus 355, 357 o 997 in Abdel Moneim Riad Square, dietro il Museo Egizio del Cairo. Passano ogni 30 minuti e vi portano a 400 metri dall’ingresso di Giza, al capolinea.

Potete anche prendere l’autobus 913 o 924, ma vi fermano a 5/10 minuti a piedi dall’ingresso del sito.

In taxi

In alternativa, potete prendere il taxi. È il modo più semplice e conveniente, ma è un po’ più costoso dell’autobus o della metropolitana. Costa da 60 a 80 sterline egiziane per andare dal centro della città a Giza.

È molto facile trovare un taxi (bianco e nero) ovunque al Cairo, basta fare loro un segno. Non dimenticate di contrattare il prezzo. Il viaggio può richiedere da 30 minuti a 1 ora, a seconda di dove si parte, e soprattutto dagli ingorghi nelle ore di punta.

In metro

Prendete la linea 2 e scendete alla fermata “Om-Elmasreen”. D’altra parte non sarete ai piedi delle piramidi, ma potete prendere uno dei taxi in attesa all’uscita della stazione e chiedergli di portarvi a Giza. Vi costerà solo 15 – 20 sterline egiziane, oltre il prezzo del biglietto della metropolitana.

Altre informazioni utili

Le piramidi di Giza non sono isolate nel mezzo del deserto. La città raggiunge letteralmente le piramidi di Giza e minaccia di inglobarle. In effetti, si possono raggiungere anche in metropolitana o in taxi.

Baksheesh – Registrate bene questa parola nella mente, la ascolterete decine di volte durante il vostro viaggio in Egitto. Significa “mancia”, e lo chiederanno per tutto: per fotografarvi con le piramidi, per fotografare un cammello, per chiedere un indirizzo …

Attenzione alle truffe: una truffa classica è quella di farvi pagare di più una volta che salite sui cammelli. Anche se negoziate il prezzo in anticipo, alla fine del viaggio, non rispettano il prezzo concordato.

Un altro trucco tipico è dirvi che “è illegale visitare le piramidi senza una guida” e, naturalmente, si offrono loro come guida ufficiale.

L’OPZIONE MIGLIORE PER VISITARE LE PIRAMIDE: UNA GUIDA PRIVATA

Pertanto, il nostro consiglio principale è di viaggiare verso le piramidi con una guida privata. I principali vantaggi sono:

non dovrete preoccuparvi di nulla, il costo dell’entrata è compreso nel prezzo dell’escursione, avrete a disposizione una guida turistica esperta in egittologia, inoltre, la guida fungerà da scudo protettivo contro ogni tentativo di truffa. Non tutti i tour sono in italiano. Uno dei tour più completi, in italiano, che include anche un giro sul cammello, con un fotografo esperto, prelievo dal hotel e pranzo è questo qui:

Prenota un tour per visitare le Piramidi e il Cairo

 

È assolutamente vietato scalare le piramidi. Tuttavia, per accedervi, dovrete scalare alcune pietre fino agli ingressi, a pochi metri da terra.

Il momento migliore per visitare l’interno delle piramidi è non appena aprono le biglietterie, la mattina presto.

L’interno è generalmente molto caldo, asciutto e un po’ polveroso. Si sconsiglia di visitare l’interno delle piramidi a persone con claustrofobia, asma o problemi cardiaci.

Solo 300 biglietti vengono venduti al giorno per l’accesso all’interno della Piramide di Cheope: 150 vengono venduti alle 8 del mattino e altri 150 alle ore 13.

Ai piedi dell’altopiano di Giza si trovano le scuderie con i cammelli dove è possibile noleggiarne uno per un giro. Ricordate di contrattare e attenti alle truffe.

Sull’altopiano ci sono altre piramidi che possono essere visitate. Sul lato ovest della Grande Piramide, ad esempio, ci sono quelli della madre e della moglie di Chefren. Per visitarle non dovete pagare alcun extra, basta presentare il biglietto d’ingresso a Giza.

Se avete bisogno dei servizi igienici, li potete trovare al Museo della Barca Solare.

Per entrare nella Piramide di Chefren dovreste sapere che l’ingresso è basso e dovete avanzare molto accovacciati per tutto il percorso (circa 100 metri).

 

Piramidi di Giza

Piramidi di Giza

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *